crescita personale scuola Teatro

Il teatro nell’inferno dei viventi

Natalecupiello

L’inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n’è uno, è quello che è già qui, l’inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme.

Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facilmente a molti: accettare l’inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più.

Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare di sapere riconoscere chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.  (Italo Calvino)

Tengo sempre a mente queste parole e cerco di impegnarmi per metterle in pratica, visto che ci credo fermamente.

Martedi 9 aprile sono stata invitata ad assistere allo spettacolo teatrale “Natale in casa Cupiello” e ci sono andata molto volentieri, naturalmente. Il mio amore per il teatro è noto, ma questa volta c’è stato qualcosa in più.

Il teatro è all’interno della Casa di Reclusione di Rossano e gli attori sono i detenuti di Alta Sicurezza. Molti di loro li conosco, perché sono stati miei studenti quando insegnavo nella scuola che c’è nello stesso istituto (l’ITIS “E. Majorana”) e perché con loro ho realizzato alcuni spettacoli.

Vederli sul palco e recitare un’opera non facile e arcinota è stato molto emozionante. La loro bravura non è stata una sorpresa per me, certo, piuttosto mi ha confermato ancora una volta quanto fa bene fare teatro. Riconoscere le proprie emozioni e trasmetterle al pubblico, mettersi alla prova e superare limiti e barriere (visibili e invisibili) e avere il coraggio di entrare anche nelle vesti e nelle personalità femminili è stata una miscela esplosiva che ci ha fatto ridere, riflettere, partecipare con entusiasmo.

Sono contenta che alcuni alunni della nostra scuola (della 2 A I), accompagnati dalla prof.ssa Maria Rosaria Sapia, abbiano potuto vedere di persona che l’arte e la creatività non dipendono da niente e da nessuno, sono libere, anche in un luogo dove non si è liberi.

E sono felice perché il regista dello spettacolo e la sua spalla destra – Nicola Nastasi e Adriana Caruso – anche stavolta hanno saputo riconoscere…

chi e cosa, in mezzo all’inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio.

Letizia Guagliardi

 

2 commenti

  1. Complimenti per tutto ció che scrivi….é sempre molto toccante e riflessivo. Le tue sono esperienze che formano e indirizzano la mente verso un”apertura e una flessibilitá non indifferente! Il carcere da luogo di chiusura a luogo di apertura al sociale e di riconoscimento delle emozioni per una migliore e maggiore presa di coscienza di sé e della propria identitá! Tutto ció credo che sia anche merito di tutti gli insegnamenti fiduciosi trasmessi da te nella scuola carceraria…per questo scrivo e confermo che sei unica perche hai una sendibilitá e una considerazione verso il prossimo molto alta, che trametti in modo positivamente costruttivo!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: