Senza categoria

5 metodi efficaci per evitare gli effetti dannosi della maldicenza

bambino-che-bacia-un-cavallo

Le conversazioni inoffensive e informali a proposito di amici e di conoscenze si propongono molto spesso come uno strumento di comunicazione ed un mezzo per intrattenere delle relazioni con i nostri simili. Tuttavia nulla può giustificare il pettegolezzo pernicioso, né la calunnia. Le dicerie così diffuse fanno male e lasciano profonde ferite. Possiamo anche rovinare delle buone relazioni, compromettere la reputazione e la serenità dei nostri simili. Come fare per restare nei limiti del convenevole e non cadere nel pettegolezzo dannoso? Come evitare di essere noi stessi vittima di questa perversa abitudine?

La Bibbia offre 5 preziosi consigli.

1 – Controlla la tua lingua.

“Nella moltitudine delle parole non manca la colpa, ma chi frena le sue labbra è prudente” (Prov. 10:19). Vale a dire: “Riflettiamo prima di parlare”. Prima di dire qualunque cosa su qualcuno, domandiamoci: “Oserò ripeterlo in sua presenza? Che cosa avrei pensato se ciò fosse stato detto di me? (cfr. Matteo 7:12). Nel Salmo 39:1, si legge: “Farò attenzione alle mie vie per non peccare con la mia lingua; metterò un freno alla mia bocca.

2 – Non prestare ascolto alla maldicenza.

Le chiacchiere incontrollate non sono le sole da mettere sotto accusa; coloro che prendono piacere ad ascoltarle hanno anche la loro parte di responsabilità! Il semplice fatto di ascoltare può essere interpretato come un’approvazione silenziosa e rappresentare al tempo stesso un modo per favorire la propagazione delle dicerie perniciose: “Il malvagio dà ascolto alle labbra inique, e il bugiardo dà retta alla cattiva lingua” (Prov. 17:4). Di conseguenza, quando una conversazione scivola su un terreno scabroso, dobbiamo avere il coraggio di dire: “Forse è il caso che parliamo di qualcos’altro!” E se i nostri amici si rivelano dei pettegoli inveterati, è opportuno cercare altre compagnie! “Chi va sparlando palesa i segreti; non t’immischiare con chi apre troppo le labbra” (Prov.20:19). Una traduzione rende il verso nel modo seguente: “Evita quindi la gente che parla molto”. Sarebbe d’altronde sorprendente se prima o poi non diventassimo proprio noi l’oggetto di conversazione!

3 – Non reagire in modo eccessivo al pettegolezzo.

La maggior parte delle persone ama spettegolare finché non sono loro ad essere chiamate in causa. Immaginiamo, però, che si faccia correre sul nostro conto una storia menzognera o delle cattive dicerie. È possibile talvolta risalire alla sorgente e rettificare con calma le cose. Che fare, poi, se questo risulta impossibile? Andare in collera non servirebbe a nulla. Infatti chi è pronto ad andare in collera compie degli atti insensati. Dalla bocca di Salomone ci viene questo consiglio: “Non porre dunque mente a tutte le parole che si dicono (…); poiché il tuo cuore sa che sovente anche tu hai maledetto gli altri” (Eccl. 7:21,22). Il pettegolezzo “fa parte della vita” ed è probabile che in un momento o nell’altro anche noi ci siamo lasciati andare.

4 – Non gettare benzina sul fuoco.

Se la diceria continua a diffondersi, chiediamoci se non siamo noi a fornire agli altri materia per spettegolare! Può succedere infatti che proprio con un comportamento dubbioso suscitiamo dei sospetti. Quindi se siamo noi ad essere vittima della calunnia, perché non domandarci se la nostra condotta, il nostro comportamento di fronte agli altri non portano acqua al mulino dei nostri denigratori?

Forse potremmo contribuire a far sì che cessino le dicerie cambiando qualche cosa nel nostro stile di vita: “Quando manca la legna, il fuoco si spegne” (Prov. 20:26); “Non v’ingannate; non ci si può beffare di Dio; poiché quello che l’uomo avrà seminato, quello pure mieterà” (Gal. 6:7); “Perciò chi si pensa di stare ritto, guardi di non cadere” (I Cor. 10:12).

5 – Occupati degli affari tuoi.

Eviteremo molti dispiaceri, agli altri e a noi stessi, applicando alla nostra vita questo saggio consiglio: “Tutte le cose vere, tutte le cose onorevoli, tutte le cose giuste, tutte le cose pure, tutte le cose amabili, tutte le cose di buona fama, quelle in cui è qualche virtù e qualche lode, siano oggetto dei vostri pensieri… e l’Iddio della pace sarà con voi” (Fil. 4:8,9).

Come dimostrano queste parole, Dio in persona s’interessa al modo in cui noi parliamo degli altri. Gesù Cristo ha lasciato questo avvertimento: “Or io vi dico che d’ogni parola oziosa che avranno, detta gli uomini renderanno conto nel giorno del giudizio; poiché dalle tue parole sarai giustificato, e dalle tue parole sarai condannato” (Mat. 12:36,37; vedi anche Salmo 52:3-6). Desideriamo intrattenere buoni rapporti con gli altri, conservare la pace interiore e, soprattutto, onorare il Signore, nella nostra vita? Allora seguiamo il consiglio della Sua Parola. Interessiamoci agli altri ma in modo amorevole e nei limiti della buona educazione. Soltanto così riusciremo a evitare il pettegolezzo dannoso.

(fonte: Cristiani Oggi)

cane-e-gatto

P.S.: nella settimana di San Valentino, voglio pubblicare il più bello e il più completo inno all’amore che sia mai stato scritto e che mai si scriverà:

l’amore è paziente, è benigno l’amore;

non è invidioso l’amore, non si vanta,

non si gonfia, non manca di rispetto,

non cerca il suo interesse, non si adira,

non tiene conto del male ricevuto,

non gode dell’ingiustizia,

ma si compiace della verità.

Tutto copre, tutto crede,

tutto spera, tutto sopporta.

L’amore non avrà mai fine.

2 commenti

  1. Cara Letizia leggendo …mi hai illuminato con queste 5 proposte per non cadere …nel pettegolezzo …bisogna seguire e non cadere nella tentazione…credo fermamente che il bene genera sempre il bene …grazie per le belle parole..

    "Mi piace"

Rispondi a Mariagrazia Di Vico Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: