I libri sono pericolosi scuola Sulla linea... la mia vita dietro le sbarre

Università-carcere… un solido ponte di carta

carcere anno accademico

È fatto di carta – quella dei libri, delle dispense, dei quaderni, dei manuali e dei vocabolari – il ponte che collega l’Università di Cosenza con la Casa di Reclusione di Rossano. Ma è robusto, resistente alle intemperie, come tutte le cose fondate su un terreno solido.

Giovedi 31 gennaio ho avuto l’opportunità, insieme ai miei studenti, di partecipare all’inaugurazione del nuovo anno accademico nell’Istituto penitenziario ed è stata una gran bella festa, a tratti anche commovente.

Se non avessi vissuto io stessa l’esperienza del carcere – come docente, come tutor-assistente alla preparazione di un paio di esami universitari, come organizzatrice di spettacoli teatrali e come coautrice, insieme a uno dei detenuti, del libro “Sulla linea… la mia vita dietro le sbarre” (Ferrari editore) – … farei fatica a capire come sia possibile, in un luogo così, assistere a tanti piccoli miracoli di rieducazione e di riabilitazione.

Non ripeto qui, in questo post, la descrizione dei bellissimi interventi delle personalità intervenute quella mattina, in rappresentanza dell’Unical e della Casa di Reclusione, perchè l’hanno già fatto i media, fra cui il TG3.

Preferisco, invece, riportare la riflessione che un detenuto ergastolano ci ha letto, facendoci emozionare e sorridere nello stesso tempo.

Questa sua riflessione l’ha chiamata “Il cambiamento attraverso le parole” e qui mi si sono subito drizzate le antenne perchè ho immaginato, già prima che cominciasse a leggere, cosa volesse intendere:

“Quando nel 2004, dopo diversi anni in vari istituti di detenzione, sono giunto a Rossano, ho capito che la mia vita stava cambiando. Ero quasi analfabeta, avevo scoperto di essere  dislessico, eppure mi piaceva seguire la scuola (N.d.R.: nel carcere è presente la scuola media e la sezione di Meccanica dell’ ITIS “E. Majorana”) e soprattutto imparare.

Dalle letture ho capito che le PAROLE che per me sono difficili da leggere, da scrivere o da pronunciare, hanno il potere di CAMBIARE LA VITA, di DARE UN SENSO ALL’ESISTENZA, di REGOLARE I NOSTRI SENTIMENTI.

Vorrei raccontarvi com’è cambiato il mio vocabolario, come nella mia vita da ristretto i muri si allargano, perché in una dimensione senza barriere entrano PAROLE sempre nuove.

Fino a pochi anni fa, nella mia quotidianità di detenuto, sentivo e pronunciavo frasi costruite con massimo 20-30 parole: PASSEGGIO, SALETTA, CELLA, CELLANTE, SPESINO, PORTAVITTO, PIANTONE, ecc.

 Questo mondo ristretto si è poi andato arricchendo di sempre NUOVE PAROLE. Prima anche i giornali che leggevo non riuscivo a capirli e ad apprezzarli. Oggi mi sono familiari i suoni e i significati di SOCIOLOGIA, UNIVERSITA’, SCIENZA, CULTURA, SUBCULTURA

So distinguere il senso di LIBRO, generico, da VOLUME, MANUALE, SAGGIO

Il mio libro preferito è il DIZIONARIO.

I miei sforzi quotidiani e le mie energie sono tutti concentrati verso la preparazione, la buona preparazione di un esame. So cosa vuol dire “CONSEGUIRE LA LAUREA” e sentire, anche solo per una volta, il mio nome accanto al titolo di “DOTTORE IN SOCIOLOGIA“.

Mi piace sentire il telegiornale o leggere i giornali e capire se si parla di SISTEMA STATALE, PARLAMENTO, GOVERNO

Ho scoperto che la MATRICOLA è anche il mio codice identificativo di studente dell’Unical, oltre che l’ufficio dove arrivano le comunicazioni per noi detenuti; che il CELLULARE è anche il telefonino e non solo il furgone blindato usato per le nostre TRADUZIONI in sicurezza, e che anche io posso fare una traduzione in inglese o in spagnolo se solo riesco a impararli come si deve.

Insomma, IO HO CAPITO CHE “SO DI NON SAPERE“, cioè che la conoscenza è un mondo da scoprire. Penso che far germogliare il seme  della scoperta della conoscenza in un’ istituzione totale come il carcere sia il modo migliore per riportare nella giusta dimensione chi, come me, sbagliando ha meritato di essere allontanato e isolato.

L’evasione dentro il carcere, attraverso le nuove parole, i nuovi schemi mentali, è il prodotto della scelta dello studio e non finirò mai di ringraziare chi l’ha autorizzata e tutti quelli (e sono tanti) che mi hanno aiutato e mi aiutano a realizzarla”.

Sono felice di avere accompagnato i miei alunni in questa occasione così speciale: hanno potuto ascoltare con le loro orecchie quanti danni può provocare l’ignoranza e come, invece, ci si può elevare al di sopra di tutte le barriere, al di là delle sbarre, oltre ogni limite.

Non servono superpoteri. Bastano i libri, la sete di conoscenza, la fame di sapere.

Il ponte Università-Carcere è fatto di carta, è vero,  ma… è di una fibra robusta!

Letizia Guagliardi

 

 

 

8 commenti

  1. [3/2 09:04] Mariateresa Valente: Solo attraverso il sapere e la conoscenza si può spiccare il volo verso nuovi orizzonti all’insegna della libertà
    [3/2 09:09] Mariateresa Valente: E spetta a noi educatori, attraverso il nostro impegno, fatto di vincite ma anche di sconfitte, essere il volano che guida verso questi orizzonti “liberi” da ogni forma di reclusione mentale, verso la conoscenza che rappresenta la linfa vitale per ogni persona!

    "Mi piace"

  2. Grazie Letizia, perché hai dato eco alla voce di un ristretto, riportando all’esterno pensieri e sentimenti di chi normalmente può parlare poco e con ascolti limitati …. Il frastuono cui siamo abituati ci allontana dalla importanza delle cose più semplici ed ovvie…
    Grazie!

    "Mi piace"

    1. E io ringrazio te, Adriana, perché ogni giorno, da anni, ti prendi cura, sostieni e incoraggi chi ancora dà importanza alle piccole cose, alle più semplici e anche alle ovvie. Non perdere mai il tuo entusiasmo.

      "Mi piace"

  3. Sal 45:1 [Al maestro del coro. Sui “Gigli”. Un poema dei figli di Kore. Un cantico d’amore.] Mi sgorgano dal cuore parole soavi; io canto il mio poema al re. La mia lingua sarà come la penna di un veloce scrittore. È meraviglioso quando in un cuore nasce la consapevolezza di poter parlare e capire tante e tante cose. È bello che ci siano persone che credono che anche nel luogo più ristretto vi sia qualcuno interessato a trovare libertà di espressione e di pensiero. Come vorrei che un giorno potessimo mostrare altre porte aperte verso un rapporto nuovo ed eterno col nostro creatore …sarebbe meraviglioso. Sono Antonio Ambrosio e anche io ho dei sogni che vogliono uscire fuori dal cassetto

    "Mi piace"

  4. “Fatti non foste a vivere come bruti, ma per seguir virtute e conoscenza” (Dante Alighieri, Inferno 26) E ancora: tutte le cose belle in sè e più belle ancora diventano quando l’uomo le apprende! La conoscenza è vita con le ali! (khail Gibran) Complimenti a te, Letizia, e anche a coloro che con te collaborano perché avete aperto la strada delle conoscenze nel carcere. Ora, come scrivi tu, queste persone possono dare un “senso alla loro esistenza”. Ora “vivono”. Ora la loro mente spicca il volo nel cielo azzurro, oltre quelle “ferree sbarre”!!!!!!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: