crescita personale Volersi bene

Il coraggio, uno, se lo può dare?

Coraggio è… uscire dalla propria zona di comfort ed esplorare il mondo circostante
Il sottofondo musicale che ho scelto per la tua lettura, oggi, è “Heart of courage ” di Two steps from hell. E non dirmi che non ti infonde almeno un po’ di coraggio!

Sì, perché oggi parliamo di…CORAGGIO e, a dir la verità, già tremo all’idea di affrontare questo tema ma sono decisa a farlo, quindi vinco la mia paura e provo.

In effetti, essere coraggiosi non significa che possiamo affrontare qualsiasi cosa senza provare almeno un minimo di timore. Assolutamente no: la paura c’è, eccome, solo che il coraggioso decide di non farsi sopraffare da questa e va avanti, agisce, mentre il pauroso rimane fermo.

Quanti tipi di coraggio ci sono? Ecco quelli che ho individuato io (naturalmente, puoi aggiungerne altri):

1. Il coraggio di provare
È il coraggio di fare una cosa nuova, di esplorare un luogo sconosciuto (sia fisico che metaforico), di cogliere delle opportunità pur mettendo in conto i possibili rischi. Questo è un coraggio “attivo”.

2. Il coraggio di avere fiducia
Fiducia prima di tutto in noi stessi, nelle nostre capacità. E poi fiducia nelle persone che ci stanno accanto. Anche questo richiede coraggio, perché significa mettere in conto le possibili delusioni, perdonare chi ci ha già deluso e ritornare a fidarci. Ma ne vale la pena, perché se non ci fidiamo di noi stessi e di nessuno, la nostra vita è piatta, priva di sfide e di scoperte e rinsecchiremmo giorno dopo giorno. Al contrario, contare su qualcuno dà benessere al corpo, alla mente e all’anima.

3. Il coraggio di dire o di scrivere
A volte è difficile dire quello che si pensa, soprattutto quando quello che si dice è il contrario di quello che afferma la massa. Ci vuole coraggio, persino quando si sceglie di non dire qualcosa per compiacere gli altri. In questo caso bisogna imparare a dire la verità, per quanto scomoda sia, in un modo che non ferisca gli altri e noi stessi.

4. Il coraggio di dare
Dare qualcosa agli altri, anche solo un po’ del proprio tempo e della propria attenzione, richiede coraggio: quello di non aspettarsi di ottenere un ritorno dalle nostre azioni. L’amore è incondizionato!

5. Il coraggio di assumersi le proprie responsabilità
Ci vuole coraggio per rispondere delle conseguenze delle nostre azioni, perché significa fare delle scelte consapevoli. Chi non fa niente non rischia niente ma è una persona mediocre.

“L’universo trova spazio” dentro di noi” cantava Lucio Battisti ne “I giardini di marzo”, e ciò significa grande apertura ad accogliere il nuovo e le opportunità, ma poi aggiungeva: “Ma il coraggio di vivere, quello, ancora non c’è“: l’entusiasmo è schiacciato dalla paura e così non si può afferrare la vita a piene mani, decidere di cambiare la propria situazione e vivere, finalmente.

«I paurosi muoiono mille volte prima della loro morte, ma l’uomo di coraggio non assapora la morte che una volta». (William Shakespeare, “Giulio Cesare”, 1599)

“Il coraggio, uno, se non ce l’ha, mica se lo può dare” – confessa don Abbondio di fronte al Cardinale Federico Borromeo

Ma…è proprio così? E allora le persone che fanno lavori a rischio – medici e infermieri, cassieri, volontari, ecc. sono persone fuori dal comune? Il coraggio è la mancanza di paura? Oppure la paura c’è ma si decide di affrontare lo stesso una situazione?

Il coraggio…come si fa per averne ogni giorno un po’ di più?

Volgiamo il nostro sguardo al sole e tutte le ombre spariranno. Come fanno i girasoli. Le giovani piante, durante le 24 ore, seguono il moto del sole; i girasoli adulti, invece, sono perennemente girati verso il sole, in attesa che sorga il giorno successivo.

Dobbiamo farlo anche noi.

Inutile precisare che ognuno di noi sa (o dovrebbe sapere) qual è il proprio sole.

Letizia Guagliardi

2 commenti

  1. Salve ed auguri alle mamme. La domanda è bella… La mia risposta è semplice: dipende dalla situazione in cui la persona si troverà. Nessuno sa come potrebbe reagire in una circostanza che richiede coraggio. E poi dipende dalla scelta anche dalla scelta che la persona prenderà.
    Per ognuno dei casi da te ipotizzati potrebbe essere valido come atto di coraggio il non far nulla, oppure aspettare, o tacere…
    Istinto, intuizione, ragione e personalità di ogni individuo non sempre permettono di definire a priori un comportamento futuro ed avere la garanzia che questo sarà un atto di coraggio. Faccio un esempio banale: ad una persona viene proposto di partecipare ad una iniziativa bella… A questo punto le strade possibili sono due: una sarà un successo… Quindi accettando la persona ha avuto coraggio. Ma chi si rifiuta l’offerta… magari sventera’ una truffa pericolosa. In questo caso la persona ha avuto il coraggio di non ascoltare le sirene di Ulisse…
    In conclusione ogni giorno possiamo essere o non essere coraggiosi… Dipende… Saluti a tutti

    "Mi piace"

    1. Io la penso così: se ti propongono di partecipare a una iniziativa bella, perché rinunciarvi (se non ci sono validi motivi, a parte la mancanza di coraggio)? Anche perché, poi, il rimpianto per non aver accettato sarebbe anche peggio. È chiaro che, come dici tu, ci sono svariate situazioni ma, nella maggior parte dei casi, il non fare dipende dalla paura.

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: