crescita personale

Vietato l’ingresso ai ragni e ai Visigoti

benigni 3

Giosuè: Perché i cani e gli ebrei non possono entrare babbo?
Guido: Eh, loro gli ebrei e i cani non ce li vogliono. Eh, ognuno fa quello che gli pare Giosuè, eh. Là c’è un negozio, là… c’è un ferramenta no? Loro per esempio non fanno entrare gli spagnoli e i cavalli eh, eh… e coso là, c’è un farmacista no: ieri ero con un mio amico, un cinese che c’ha un canguro, dico “Si può entrare?”, dice “No, qui i cinesi e i canguri non ce li vogliamo”. Eh, gli sono antipatici oh, che ti devo dire oh?!
Giosuè: Ma noi in libreria facciamo entrare tutti.
Guido: No, da domani ce lo scriviamo anche noi, guarda! Chi ti è antipatico a te?
Giosuè: I ragni. E a te?
Guido: A me… i visigoti! E da domani ce lo scriviamo: “Vietato l’ingresso ai ragni e ai visigoti”. Oh! E mi hanno rotto le scatole ‘sti visigoti, basta eh.   (La vita è bella – dialogo fra papà Guido- Roberto Benigni e il figlio Giosuè)

Ogni volta che leggo questo scambio di battute non riesco a non sorridere: per l’ironia, per l’intelligenza e per l’amore con cui questo papà avvolge la stupidità, l’ignoranza e la chiusura mentale di certi adulti per presentare quell’orrenda realtà al proprio bambino. Gli prospetta questo fatto, piuttosto strano agli occhi del piccolo, come un gioco: ognuno, sulla porta del proprio negozio, su un cartello può vietare l’ingresso a chi gli pare, a chi gli sta antipatico. Tenero il bambino che non indica un tipo particolare di persone ma i ragni (ma quelli, si sa, si presentano anche senza permesso) e geniale il papà che indica i… visigoti!

Di tutt’altra natura, invece, la proposta (rimasta tale, meno male) di qualcuno che alcuni anni fa voleva riservare dei vagoni della metropolitana solo ai milanesi, o solo agli extra comunitari.

Purtroppo reali i cartelli che vietavano l’ingresso ai cani e agli italiani, poi ai cani e ai meridionali (i cani venivano sempre prima), alle persone di colore, ecc.

La notizia è di pochi giorni fa: una signora si sente poco bene e si reca, ovviamente, in un ambulatorio per farsi visitare. Ma lì fa una spiacevole scoperta: il dottore di turno è… di colore! Come lo vede glielo dice subito: “Io non mi faccio toccare da un negro!” E se ne va via, ovviamente. Meglio tenermi il dolore, avrà pensato, che affidarmi a lui.

Geniale, anche in questo caso, la pronta risposta del dottore: Grazie, ho quindici minuti per prendere un caffè.

L’ironia è sempre l’arma migliore in casi come questi, quel tipo di ironia che non distrugge ma crea, che invita a riflettere. Come faceva Gesù, con le sue parabole. Io me lo immagino, sorridente, mentre le raccontava, e noi oggi, dopo averle lette, sorridiamo. E poi  riflettiamo sul loro significato.

È di ieri la notizia che un ragazzo italiano ha fatto tiro a segno sui passanti e ha ucciso solo negri, ne ha uccisi sei prima di essere fermato. Un’azione programmata dettata dall’odio razziale o dalla volontà di vendicare Pamela, uccisa e fatta a pezzi da un nigeriano? Il razzismo si sta alimentando? Come si combatte il dilagare di tanta follia? Quello che è stato fatto finora è stato efficace? Perché la lezione della Storia non è stata ancora ben assimilata? Tante domande… una sola risposta: il messaggio evangelico è sempre più urgente e deve iniziare fin dai primissimi anni di vita del bambino.

Ecco perché un gran numero di commemorazioni, da sole, non bastano più se non fanno parte di un programma mirato che, partendo dall’infanzia, inculchi nella persona il seme dell’amore, del rispetto, dell’unione, dell’altruismo.

Insegna al ragazzo la condotta che deve tenere;

anche quando sarà vecchio non se ne allontanerà (Prov. 22:6)

Ho una curiosità: quella signora si sarà messa alla ricerca di un altro ambulatorio o sarà tornata a casa (tenendosi il dolore) ad aspettare il giorno dopo e quindi un altro medico di turno? Io spero che, in ogni caso, abbia riflettuto sulla risposta del dottore.

 

9 commenti

  1. Meraviglioso film, stupenda ironia…su una immane tragedia…
    Personalmente penso che la società non abbia la consapevolezza di un nuovo pericolo…non abbia la forza per contrastarlo…ma quel che temo maggiormente è che la nostra società, opulenta e contraddittoria, non ne abbia proprio la voglia. E, purtroppo, ci sono molti pifferai in circolazione. Buona domenica a tutti…

    "Mi piace"

  2. Buonasera Letizia. Le ultime tragiche notizie ci riportano drammaticamente che l’odio non ha tempo e che bisogna educare al rispetto e al bene di tutti.

    "Mi piace"

  3. Buona sera Letizia! Mi piace ripetere il versetto di Rudyard Kipling: “Se per te contano tutti gli uomini, tu sarai Uomo, figlio mio”! Proprio vera questa affermazione! Se si educa un bambino alla condivisione, al rispetto e all’amore, egli da grande sarà veramente uomo perche’avrà imparato che anche gli altri contano!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: