Solo un insegnante? No! Anche un agricoltore, un giardiniere, un idraulico, un elettricista, un vasaio, un fornaio.

henri-jules-jean-geoffroy-the-childrens-class[1]
Henry Jules Jean Geoffroy “The children’s class”

Non lo dico per tirare acqua al mio mulino ma… secondo me l’insegnante fa uno dei mestieri più importanti al mondo. E uno dei più difficili e articolati, anche.

Perché chi sceglie di insegnare deve sapere che è anche un….

AGRICOLTORE perché…

deve arare bene il “terreno” per farlo diventare adatto alla successiva semina; deve piantare continuamente e senza parsimonia i suoi semi affinché  questo sia verde, sano e curato; deve stare attento a ciò che coltiva: se semina gramigna raccoglie gramigna. Così ogni anno, in giugno e in luglio, potrà raccogliere con soddisfazione le spighe di grano mature.

GIARDINIERE perché…

deve saper raddrizzare le “piantine” affidate alle sue cure; deve potare i rami secchi, dare la giusta quantità di acqua, aria e luce; deve sfoltire per bilanciarne lo sviluppo. Se avrà fatto un buon lavoro, dopo molti anni vedrà un giardino rigoglioso, pieno di colori e di profumi.

IDRAULICO perché…

deve far fluire nella mente e nel cuore dei suoi allievi l’acqua fresca e pulita della conoscenza; deve sgorgare i tubi intasati da “calcare”,”ruggine” e “impurità”. Sarà soddisfatto del suo lavoro se vedrà nella loro vita il buon funzionamento dei vasi comunicanti da lui installati.

ELETTRICISTA perché…

deve saper accendere le scintille della curiosità e dell’immaginazione; deve attivare gli impulsi della creatività e della meraviglia; deve collegare i fili del coraggio, della determinazione, della perseveranza, dell’onestà e deve, anche, riparare i fili logori. Se avrà costruito un ottimo circuito elettrico, i suoi studenti potranno ricevere delle straordinarie scosse.

VASAIO perché…

deve modellare, plasmare, trasformare… quella materia viva che è il suo allievo. È “come argilla nelle sue mani” e il bravo artigiano sa che si deve armare di sapienza, di tenerezza e di fede. Ma sorride mentre lavora, perché sa che quella massa informe diventerà un pezzo unico e bellissimo.

FORNAIO perché…

deve miscelare le farine adatte per dare consistenza; dosare il sale e l’olio per insaporire le lezioni  e aggiungere la giusta quantità di lievito per dare energia e aiutare la crescita; deve sapere qual è l’aria che favorisce la buona lievitazione e deve impastare mettendo in sintonia la testa e le mani: con tocchi delicati e precisi altrimenti “la pasta soffre”. E poi deve aspettare che l’impasto faccia le bolle, deve rispettare i suoi tempi, dargli una forma e metterlo in forno. E aspettare che si cuocia. Perchè  il segreto di un buon pane è la pazienza.

Quante attività ci sono da fare anche quest’anno! Rimbocchiamoci le maniche.

Solo un insegnante
Dall’ IIS “E. Majorana ” di Rossano (CS):

 

FORZA E CORAGGIO

DIFENDIAMO LA SCUOLA

BUON ANNO SCOLASTICO

AGLI STUDENTI, AI GENITORI

E… AGLI INSEGNANTI!

Letizia Guagliardi

8 risposte a "Solo un insegnante? No! Anche un agricoltore, un giardiniere, un idraulico, un elettricista, un vasaio, un fornaio."

Add yours

  1. Ciao, Letizia! Viviamo in un mondo pervaso da violenza, crudeltà, dolore, ma nella piccola “oasi” ch’è la classe i ragazzi sono al sicuro perché qui imparano a stimarsi a vicenda, a pensare, a studiare, a meravigliarsi e a creare. La brava insegnante mostra il potere della dolcezza, della pazienza, del coraggio, della dedizione! IMPARA A VIVERE! Una brava insegnante può cambiare questo mondo! Auguri Letizia per il nuovo anno scolastico!

    "Mi piace"

  2. Eb. 5:8 “Benché fosse Figlio, imparò l’ubbidienza dalle cose che soffrì”. Anche Gesù dovette imparare dal maestro e dalle circostanze della vita terrena. Il maestro fu ed è sempre il Padre nostro che è stato ed è tutto in tutti. Il Vangelo di Giovanni dice al verso 1 del capitolo 15 che il Padre è l’unico AGRCOLTORE (l’insegnante tutto fare è capace di tutto in tutti… potremmo dire “onnipotente”, onnisciente, onnipresente e tanti altri onni ogni cosa). Gesù fu il primo e unico che imparò tutto tutto dal PADRE…..vogliamo permettere a Dio Padre di farci nascere dal Suo Spirito e di insegnarci a crescere nella sua presenza per onorarlo vivendo e trasmettendo il suo carattere. Vogliamo imparare anche dai nostri insegnanti…che a volte, come dici tu cara Letiziadelizia, sono costretti a essere tutto per tutti e in tutti. Pace a voi.

    "Mi piace"

    1. Pace a te, Antonio. Per chi crede, trasmettere (dopo averlo ricevuto) il Suo carattere è d’obbligo. Una precisazione: essere un insegnante significa anche essere tutti i mestieri che ho elencato nel post, ma non è una costrizione. Ë uno degli aspetti più intriganti del nostro lavoro.

      "Mi piace"

  3. Cara Letizia, anche se tutti sembrano dimenticarsi noi, al punto che rischiamo la pelle nelle nostre aule, il nostro è il lavoro più bello del mondo. Il sapere è contagioso, sprigiona un’energia collettiva che germoglia, ed è questo il miracolo: far crescere il sapere, e noi ne siamo gli artigiani.

    "Mi piace"

    1. Vero, Lucia. L’artigiano, alla fine del suo paziente lavoro, può vedere ciò che aveva immaginato. A volte è pienamente soddisfatto, altre volte un pò meno, ma è sempre pronto a ricominciare.

      "Mi piace"

Rispondi a Lucia Salerno Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Crea un sito web o un blog su WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: